53mo Karlovy Vary International Film Festival - Pagina 15

Stampa
PDF
Indice
53mo Karlovy Vary International Film Festival
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5
Pagina 6
Pagina 7
Pagina 8
Pagina 9
Pagina 10
Pagina 11
Pagina 12
Pagina 13
Pagina 14
Pagina 15
Pagina 16
Tutte le pagine

IDontCareIfWeGoDownAsBarbariansSezione ufficiale

Competizione
Globo di cristallo (25.000 Dollari americani)
„Îm i este indiferent dacă în istorie vom intra ca barbari” (Non mi preoccupo se finiamo nella storia come i Barbari) di Radu Jude (Romania, Repubblica Ceca, Francia, Bulgaria, Germania)
Premio speciale della giuria (15.000 dollari americani)
Sueño Florianópolis (Sogno Florianópolis) di Ana Katz (Argentina, Brasile, Francia)
Premio al miglior regista
A Olmo Omerzu per il film Všechno bude (Mosche invernali) (Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia. Polonia)
Premio alla miglior attrice
Mercedes Morán per la sua interpretazione nel film Sueño Florianópolis (Sogno Florianópolis) di Ana Katz (Argentina, Brasile, Francia).  
Premio al miglior attore
A Moshe Folkenflik per la sua interpretazione nel film Geula (Redenzione) di Joseph Madmony e Boaz Yehonatan Yacov (Israele)
Menzione special della giuria
A Podbrosy (Il saltatore) di Ivan I. Tverdovskiy (Russia, Lituania, Irlanda, Francia) e a Zgodovina ljubezni (Storia d’amore) di Sonja Prosenc (Slovenia, Italia, Norvegia)

e424-suleiman-mountainEast of the West


Concorso
Gran premio East of the West (15.000 dollari americani)
Suleiman gora (La montagna Suleiman) di Elizaveta Stishova (Kirghizistan, Russia)
Premio special della giuria (10.000 dollari americani)
Blossom Valley (La valle dei fiori) di László Csuja (Ungheria)

Film documentari


Concorso
Miglior documentario (5.000 dollari americani)
Putin’s Svideteli (I testimoni di Putin) di Vitaly Mansky (Lettonia, Svizzera, Repubblica Ceca)
Premio special della giuria
Walden di Daniel Zimmermann (Svizzera, Austria)
Premio del pubblico patrocinato dalla rivista PRÁVO
Rain Man di Barry Levinson (Usa 1988)

 

I premi non ufficiali

PREMIO FIPRESCI

Sueño Florianópolis (Sogno Florianópolis) di Ana Katz (Argentina, Brasile, Francia)

GIURIA ECUMENICA

Geula (Redenzione) di Joseph Madmony e Boaz Yehonatan Yacov (Israele)

menzioni a Všechno bude (Mosche invernali) di Olmo Omerzu (Repubblica Ceca, Repubblica slovacca, Slovenia, Polonia) e Miriam Lies (Le bugie di Miriam) di Natalia Cabral e Oriol Estrada (Repubblica Dominicana, Spagna)

PREMIO FEDORA

Suleiman Mountain (La montagna Suleiman) di Elizaveta Stishova (Kirghizistan, Russia).

PREMIO EUROPA CINEMA LABEL

„Îmi este indiferent dacă în istorie vom intra ca barbari” (Non mi preoccupo se finiamo nella storia come i Barbari) di Radu Jude (Romania, Repubblica Ceca, Francia, Bulgaria, Germania)