Rapina a Stoccolma

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rapina a Stoccolma

Il film, diretto da Robert Budreau e interpretato da Ethan Hawke nel ruolo del malvivente dal cuore tenero, propone questa anomala storia vera, dal sapore tragicomico, nella quale il ‘cattivo’ riuscì con i suoi modi bizzarri ad accattivarsi le simpatie e l’aiuto dei suoi sequestrati, soprattutto di una ragazza che si innamorò di lui: tutti assieme si rivoltarono contro le autorità per tentare di ottenere il perdono giudiziario per il loro sequestratore. Rapina a Stoccolma è una crime comedy basata su fatti realmente accaduti, una rapina dai risvolti psicologici complessi tuttora studiati e citati. Il film prende spunto dalla rapina avvenuta nel 1973 presso la Kreditbank di Stoccolma, dove un uomo prese in ostaggio tre dipendenti della banca. 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

La Bambola Assassina

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La Bambola Assassina

Distribuito nei cinema italiani da Koch Media attraverso la propria etichetta horror Midnight Factory, il film è remake e reebot dell’omonimo horror realizzato nel 1988 da Tom Holland; nel corso degli anni, sei film si sono basati su questa idea per creare prodotti di diversa qualità, tutti accomunati da un certo humor nero, che ha permesso alla perfida bambola di divenire un’icona della paura. L’idea base è abbastanza debole ma grazie al mestiere dei vari sceneggiatori che si sono alternati nella realizzazione, Buddi la bambola assassina ha saputo sopravvivere a se stessa. 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Arrivederci professore

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arrivederci professore

Girato nel giugno 2017 in Canada, ha dovuto attendere un anno per essere presentato in anteprima allo Zurich Film Festival. Opera seconda di Wayne Roberts – aveva debuttato dietro la macchina da presa con il dramma Katie Says Goodbye (2016) mai distribuito in Italia - non ha saputo interessare, coinvolgere, portare avanti una storia in maniera accettabile. Nonostante si sviluppi in soli 90 minuti, il film riesce ad annoiare, confermando anche la crisi di Johnny Depp che continua ad attraversare  un periodo particolarmente negativo: sembra impossibile pensare che sia stato un attore in grado di emozionare con interpretazioni di ottimo livello.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

The Confession

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
8.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Confession

Ultimo dei cinque spettacoli inseriti nell’ambito della XXIV edizione della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea, The Confession è sicuramente uno dei più riusciti sia per la qualità del testo che per l’ottima regia del trentanovenne Simone Toni, enfant prodigé del teatro italiano. Nato e cresciuto all’ombra del Piccolo di Milano, a 20 anni era già sul palcoscenico tra gli interpreti de Socrate messo in scena da Gigi Proietti e La vita è sogno di Pedro Calderón de la Barca diretto da Luca Ronconi; con quest’ultimo si è creato un rapporto speciale che è scaturito in Amor nello specchio, scritto da Gian Battista Andreini, dove è coprotagonista di Mariangela Melato. Oltre a tante altre esperienze con diversi registi, nel 2004 affianca Ronconi non più solo nelle vesti di attore, ma anche di aiuto regista, in occasione dell'allestimento del dramma di Arthur Schnitzler Professor Bernhardi. Moltissime le loro collaborazioni, e per Toni l’inizio di un percorso artistico di primo piano.

Cast, Crew, Infos - Teatro

Compagnia
Teatro Nazionale di Genova

Leggi tutto...

Rob

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rob

Quarto dei cinque spettacoli inseriti nell’ambito della XXIV edizione della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea, Rob è il testo più impegnativo visto fino ad ora, con una drammaturgia complessa e lo sviluppo narrativo che pesa unicamente sulle spalle del giovanissimo e bravo Simone Cammarata in un tour de force di 90 minuti; come unico supporto ha il particolare sound creato da Taru (Ruggero Lambo) che sottolinea e crea stacchi tra un personaggio e l’altro. E’ il primo monologo per il ventiquattrenne siciliano, fresco della Scuola del Teatro Stabile che aveva già fatto bene lo scorso anno ne Il cerchio Rosso di Vitaliano Trevisan con la regia di Massimo Mesciulam: ma in quella occasione sul palcoscenico aveva altri quattro compagni di ventura. 

Cast, Crew, Infos - Teatro

Compagnia
Teatro Nazionale di Genova in collaborazione con Onassis Stegi

Leggi tutto...

Beautiful Boy

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Beautiful Boy

Giunge con buon ritardo sui nostri schermi un film drammatico basato sul bestseller Beautiful Boy di David Sheff e Tweak, l’autobiografia scritta dal figlio Nic Sheff. Padre e figlio, giornalista e tossicodipendente uniti dalla stessa disperazione. Il film è sicuramente interessante soprattutto per il tipo di vicenda che racconta, con una famiglia apparentemente perfetta che si trova a combattere tutta assieme per aiutare a riemergere dal tunnel dei paradisi artificiali il figlio maggiore, che inconsciamente diviene drogato dopo avere provato dall’età di 12 anni varie sostanze; la sua è una sperimentazione che sfugge nella sua gravità all’attenzione dei genitori.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Selfie

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
8.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Selfie

Nella notte tra il 4 ed il 5 settembre 2014, attorno alle 2,30, c’è stato un inseguimento nel quartiere Traiano di Napoli tra un motorino su cui si trovavano tre persone e un’auto con due carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli. I carabinieri hanno chiesto alle persone sul motorino di fermarsi ma queste non hanno obbedito. E’ stato sparato un proiettile dall’arma di uno dei carabinieri e il proiettile ha colpito Davide Bifolco. Il ragazzo è stato portato all’ospedale San Paolo ma è morto poco dopo il ricovero. Pochi giorni dopo avrebbe compiuto 17 anni.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Sono come voi, amo le mele

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono come voi, amo le mele

 

Terzo dei cinque spettacoli inseriti nell’ambito della XXIV edizione della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea, Sono come voi, amo le mele è una commedia a tratti molto divertente che tratta di temi a dire poco drammatici, attraverso un dialogo che avviene tra tre ex first Lady di autentici dittatori, il tutto prima di una conferenza stampa che dovrebbe presentare un ipotetico film su di loro. Il titolo della commedia si riferisce a uno scritto di Muammar Gheddafi: l'ex dittatore libico si presentava come un sovrano solitario che viene ingiustamente perseguitato dal popolo. Qui la frase è detta dalla vedova del ex presidente tunisino Ben Ali. Le donne sono fedeli al cliché che ha caratterizzato fino ad allora la propria vita e si pasciono della loro appartenenza politica, anche dopo essere state destituite. L’ironia entra immediatamente in scena quando le tre signore iniziano a scambiare qualche parola come fossero borghesi vicine di casa; ma i loro pettegolezzi riguardano  argomenti un po’ particolari quali feste con Stalin e baci di Mao, collezioni di scarpe (la Marcos ne possedeva più di 3000) e reggiseno antiproiettile. Ma questa apparente familiarità dura ben poco. Col passare del tempo diventano sempre più violente, difendendo e glorificando il loro passato fatto di azioni crudeli, volendo dimostrare alle altre la liceità del loro comportamento; non solo, di essere superiori alle altre e di avere ancora l’amore del popolo. Personaggio centrico, comicamente grottesco, è il traduttore che dovrebbe traslare ogni cosa in maniera precisa ma ben presto, nel timore di potere fomentare qualcosa che rischia di divenire un incidente diplomatico, inizia ad inventarsi situazioni completamente differenti che utilizza per censurare le frasi fin troppo dirette, farcite di insulti di ogni tipo. L’uomo alla fine non può che soccombere, non riuscendo a mantenere sotto controllo uno scontro che potrebbe cambiare le sorti del mondo. Per intendere la comica drammaticità dei dialoghi basterà citare Margot, moglie di Erich Honecker, che chiede innocentemente Cosa posso fare se qualcuno è tanto stupido da scavalcare il muro?, le altre rispondono con altre perle di saggezza di questo tipo, facendo sorridere e, nello stesso tempo, rabbrividire per la perfidia che emerge. Sono come te, amo le mele è la quinta commedia scritta dalla Walser ed è stata presentata a Mannheim nel 2006. L’edizione italiana si avvale dell’ottima regia di Barbare Alesse che descrive le sue tre protagoniste geni del male ma simpatiche ed affascinanti. Forse il traduttore è visto in maniera fin troppo grottesca, ma considerato che è alla mercé di tre donne dominatrici ogni cosa detta e fatta potrebbe essere possibile. Cristiano Dessì, diplomatosi alla Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova nel 2009, anche per scelte registiche domina il palcoscenico divenendo autentico mattatore. Brave anche Ernesta Argira, Lisa Galantini e Irene Villa perfettamente affiatate e in grado di fornire la giusta intensità ai propri personaggi.

Cast, Crew, Infos - Teatro

Compagnia
Teatro Nazionale di Genova

Leggi tutto...

Il Grande Salto

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Grande Salto

Giorgio Tirabassi è attore che spazia dal comico al drammatico con grande bravura, riuscendo ad essere sempre il personaggio che interpreta in quel momento, con tutte le sue sfumature. Avvicinandosi alla regia, ha cercato di realizzare un film in cui siano presenti comico, commedia, melodramma ma, dopo la prima parte in cui l’equilibrio è bene presente (anche se la comicità è componente più elevata) il regista sembra non avere la capacità di scegliere uno stile, rendendo molto frammentario quello che appare sullo schermo.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

American animals

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
American animals

American animals, in programmazione in questi giorni nelle sale italiane, è una pellicola del 2018, sceneggiata e diretta dal giovane documentarista Bart Layton, classe 1974, al suo esordio alla regia. La vicenda raccontata si ispira ad una storia realmente accaduta nel 2003, quando quattro studenti universitari intentano il furto di un rarissimo manoscritto, dal grande valore e custodito con limitate misure di sicurezza, nella biblioteca della Transylvania University di Lexington in Kentucky. Sorprendentemente l’impresa riesce e per i quattro è l’inizio di un viaggio destinato al fallimento in un susseguirsi di tentativi goffi e maldestri ma soprattutto vani di rivendere la refurtiva. Nel ruolo dei quattro studenti, si cimentano quattro giovani promesse delle serie televisive americane: Evan Peters, nel ruolo di Spencer, un annoiato e svogliato studente d'arte che sente nella sua vita l'assenza di qualcosa di significativo che lo ispiri, Berry Koeghan (Warren), nei panni dell’amico d’infanzia, giocatore di calcio ma insoddisfatto del college e della sua mediocre vita di privilegi; Blake Jenner e Jared Abrhamson, nei panni rispettivamente di Erik e Chas, anch’essi compagni di college che si lascano coinvolgere con falese promesse, più per noia che per una reale motivazione. Layton è bravo nel mescolare realtà e commedia nel ricostruire uno spaccato della provincia americana, bianca e benestante, incarnata da una generazione di trentenni, insoddisfatti, senza prospettive e ideali, a cui non manca di niente ma è priva di quegli anticorpi necessari per vivere e farsi strada con le proprie forze nella società. Buona la scelta da parte del regista di inframezzare la narrazione con le interviste di commento ai veri protagonisti della vicenda, che hanno sbagliato e hanno pagato un prezzo importante, ciascuno latore di una versione dei fatti. L’esito è una commedia agrodolce, che ha ritmo e aspetti anche ironici, con un finale aperto su come siano davvero andate le cose.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

X-Men - Dark Phoenix

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
X-Men - Dark Phoenix

Nel dodicesimo film della saga degli X-Men si nota subito lo sforzo di affrontare in modo più diretto, senza troppi fronzoli, la vicenda. Si parla della Fenice, apparsa sugli albi degli X-Men per la prima volta a metà degli anni ‘70, informe entità cosmica che annienta e riesce ad impossessarsi dei corpi e delle menti di creature particolarmente dotate. 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Polaroid

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Polaroid

 

Lars Klevberg, norvegese, autore del corto da cui il lungometraggio è tratto, dimostra di essere un buon regista in grado di creare atmosfere da paura usando più un attento dosaggio tra luce e buio che non nel creare qualcosa di goticheggiante basato troppo sugli effetti speciali.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

L'Angelo del Male - Brightburn

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'Angelo del Male - Brightburn

 

Kripton sta per esplodere e i genitori decidono di inviare il figlioletto con un razzo sulla Terra, dove potrà avere una nuova vita. I genitori adottivi di quello che sarebbe divenuto Superman lo crescono e lo accudiscono nella loro fattoria senza mai domandarsi troppe cose sulle origini del neonato, per loro un grande dono venuto dal cielo. 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Quel giorno d'estate

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quel giorno d'estate

Mikhaël Hers torna su fatti di cronaca che hanno sconvolto la Francia negli ultimi anni, occupandosi dei terribili attacchi terroristici a Parigi. Lo fa con un’impostazione intimista, richiudendo questo immane dramma entro il recinto, forse ancora più coinvolgente, di un microcosmo privato, di vite come tante che in pochi attimi dimenticano la serenità per sprofondare nel dolore. 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Forse è solo mal di mare

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Forse è solo mal di mare

Simona De Simone, trentaquatrenne di Nardò che utilizza come pseudonimo artistico il nome di Nuanda Sheridan, ha seguito corsi di regia e recitazione teatrale per poi formarsi in regia cinematografica. Dapprima come aiuto, poi come autrice di Satyagraha (2017) - mediometraggio che racconta di una storia d’amore e reincarnazione esplorata attraverso il viaggio di un’anziana donna tra le sue vite precedenti – con Forse è solo mal di mare ha firmato il suo primo lungometraggio. Ha ridimensionato le sue mire di cinema d’autore e ha portato sullo schermo temi molto popolari da commedia sentimentale utilizzando un taglio da prodotto televisivo di routine: purtroppo dimostra  l’incapacità assoluta di creare un film che abbia un minimo di interesse. Non è tra chi lo ha scritto (sceneggiatura davvero poco riuscita) ma lei ci mette molto di sé con la scelta di inquadrature convenzionali in cui Linosa è l’unica che si salva grazie alla sua selvaggia bellezza, con una costruzione narrativa poco interessante. Attori pur di buona qualità non riescono mai a credere a quanto dicono e fanno, quantomeno non riescono a trasfondere all’esterno emozioni. La Sagra del paese con un prete che vuole creare una Festa patronale da ricordare (e, in senso negativo, raggiunge lo scopo), il bar tabaccheria dove tutti vanno ma che è contestato perché smercia brioche non fresche, un Liceo Scientifico che parrebbe essere collocato in questo lembo di terra abitato da poco più di 400 persone sono alcuni dei suoi elementi. Su questi, lo sviluppo di una storia davvero poco interessante. Un fotografo che ha girato il mondo si ferma sull’isola per amore di una bella donna che sposa e da cui ha una figlia che lo adora; il suo nuovo lavoro è il pescatore. La donna, dopo 17 anni, segue un uomo apparentemente poco interessante e li abbandona. La ragazza è molto vicina al padre che praticamente dipende da lei, ma ha anche il sogno di andare a seguire i corsi di pianoforte al Conservatorio di Lugano. Intanto giunge una bella professoressa con una supplenza nel Liceo che è interessata sentimentalmente all’uomo. Tutto qui, per un’opera poco coinvolgente. La speranza è che gli abitanti dell’isola, almeno loro, si siano divertiti. Primo film prodotto dalla Cibbè Film, nata dalla passione per il cinema di alcuni imprenditori tessili pratesi, speriamo non tolga la voglia a questi cinefili di investire denaro in altri progetti, magari valutando in maniera diversa i progetti in cui impegnarsi.

 

 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Palottole in libertà

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Palottole in libertà

Pierre Salvadori non è uno dei grandi registi d’oltralpe ma, nello stesso tempo, non può certo essere definito decoroso artigiano. Ama temi un po’ diversi, gioca con la commedia in cui riesce ad inserire anche il dramma - Piccole crepe grossi guai (Dans la cour, 2014) – o temi romantici - Beautiful Lies (De vrais mensonges, 2010) e Ti va di pagare? - Priceless (Hors de prix, 2006) – ma anche il thriller come in Les marchands de sable (2000). 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll. Evento di tre giorni

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
7.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Asbury Park: Lotta, Redenzione, Rock and Roll. Evento di tre giorni

Esiste una città, non lontana da New York, che è stata la culla della musica dal jazz al rock per un secolo, con un due zone bene divise tra loro (quella povera abitata da emigranti e dalle persone di colore, l’altra con sfavillanti hotel di lusso). Si arrivò ad avere un centinaio di locali, fossero bar o teatri, balere o ristoranti in cui si suonava e sentiva musica anche fino alle 5 del mattino, dove difficilmente si diveniva ricchi ma in cui il collante dell’arte ha unito per generazioni migliaia di persone che superavano i gravi limiti del colore della pelle ed il diverso ceto per unire le loro emozioni in un fiume strabordante di originalità e di creatività. 

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

L'angelo del crimine

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
6.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'angelo del crimine

Il trentottenne argentino Luis Ortega, regista di alcuni lungometraggi cinematografici, tenendo ben presente i precedenti del filone biografico che racconta di ‘cattivi’ più o meno famosi, porta sullo schermo la figura di un ragazzino che aveva tendenze sessuali molto complesse ed il piacere di uccidere a sangue freddo. Carlos Eduardo Robledo Puch, arrestato dalla Polizia quando non aveva ancora 20 anni, è stato ritenuto colpevole di 11 omicidi (ma si ipotizza fossero molti di più) compiuti durante azioni criminali, ma non necessari per l’economia del furto. Lui dichiarava di essere ladro da sempre, di non dare valore alla proprietà, di fare questa vita solo perché lo emozionava.

Cast, Crew, Infos - Cinema

Leggi tutto...

Estate in dicembre

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
8.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estate in dicembre

Secondo dei cinque spettacoli inseriti nell’ambito della XXIV edizione della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea, Estate in dicembre è un ottimo esempio di commedia popolare in cui i personaggi riacquistano il loro valore all’interno della storia narrata, con un modo intelligente di unire il dramma a momenti di particolare divertimento. Tre generazioni di donne sul palcoscenico, l’incontro scontro tra le loro personalità, un ritratto assolutamente credibile che coinvolge emotivamente lo spettatore. È la storia di una famiglia segnata dall'assenza del padre in cui vivono donne che cercano disperatamente di separarsi, ma rimangono unite per l’impossibilità di avere un distacco definitivo. E’ una vera e propria riflessione sui conflitti generazionali vissuti da persone che si amano ma continuamente si rimproverano soprattutto perché sono insoddisfatte della vita che interpretano, non si accettano e fanno cadere questo peso su chi le attornia. 

Cast, Crew, Infos - Teatro

Compagnia
Teatro Nazionale di Genova

Leggi tutto...

Bashir Lazhar

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
8.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bashir Lazhar

Primo di cinque spettacoli inserito nell’ambito della XXIV edizione della Rassegna di Drammaturgia Contemporanea, fiore all’occhiello del Teatro Nazionale di Genova nell’ambito della proposta di nuove tendenze nel teatro, Bashir Lazhar è commedia scritta da Evelyne de la Chenelière nel 2002 quando aveva 27 anni. Attrice, commediografa, scrittrice artisticamente francese, ha inserito in questo testo temi a dire poco drammatici in cui i personaggi mai si piangono addosso, in cui la vita si affronta senza paura per evitare di essere schiacciati. Nel 2011 la commedia era stato fonte ispiratrice del bel film Monsieir Lazhar che ha rappresentato il Canada agli Oscar, diretto da Philippe Falardeau e interpretato dal comico algerino Mohamed Saïd. 

Cast, Crew, Infos - Teatro

Compagnia
Teatro Nazionale di Genova

Leggi tutto...

Mostra Luzzati

Stampa
PDF
Valutazione Autore
 
8.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mostra Luzzati

Si è inaugurato nel Sottoporticato del Palazzo Ducale di Genova Labirinto Luzzati, la mostra antologica dedicata al grande artista genovese che sarà aperta fino all’inizio di novembre.
Dopo la chiusura del Museo a Porta Siberia per evitare che i materiali non siano più visibili il Comune ha voluto ed appoggiato questa mostra curata da Sergio Noberini e organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per Cultura assieme alla Lele Luzzati Foundation: in attesa di una collocazione definitiva si possono ammirare alcuni dei pezzi più interessanti.

Leggi tutto...